Terni, i progetti di ”Possiamo Diventare” (gruppo Pd) su verde, sviluppo, turismo, mobilità, cultura

5

possiamo diventare 1Otto progetti per la città di Terni su verde pubblico, sviluppo economico, turismo, mobilità, commercio e cultura. Sono quelli messi nero su bianco dal gruppo di lavoro del Pd “Possiamo Diventare” composto da giovani che vogliono “promuovere una rivoluzione copernicana nel Pd e a Terni, partendo non dai voti o dalle sottoscrizioni, ma dall’impegno che ciascuno può mettere a disposizione per cambiare e migliorare la nostra città, imponendo nel dibattito politico non una nuova generazione di politici ma una nuova generazione d’idee, di modo di far politica”.

CONSEGNA DEI PROGETTI Venerdì pomeriggio i membri di Possiamo Diventare hanno consegnato i loro progetti all’assessore Armillei e ai consiglieri Masiello e Zingarelli (Pd). E’ il frutto del lavoro del gruppo nato a giugno 2013. Spiegano in una nota di aver “lavorato con entusiasmo e con determinazione sperando di fare il meglio delle nostre possibilità per la città e auspichiamo che amministratori e cittadini potranno trovare degli spunti utili per costruire una Terni più moderna, efficiente e a misura di XXI secolo”.

possiamo diventare 2Spiega ancora Possiamo Diventare: “La presentazione delle idee e dei progetti elaborati nel corso del primo anno di attività è il frutto di un impegno rafforzato da incontri con associazioni, rappresentanti di categoria e amministratori, attraverso i quali si è cercato di migliorare le proposte e le idee nate all’interno del gruppo. Venerdì Possiamo Diventare ha potuto anche collezionare dei suggerimenti provenienti dai cittadini, grazie all’aiuto di due piccoli collaboratori, #diccelo e #famolo, che hanno raccolto per noi richieste per una biblioteca aperta più a lungo, per una raccolta dei rifiuti più efficiente e sostenibile, per un sempre maggiore impegno per un piano di mobilità alternativa e per molto altro ancora. Molti sono temi già affrontati dal gruppo, ma molti altri lo saranno presto grazie alle sollecitazioni dei ternani che sono intervenuti al ‘compleanno’ di Possiamo Diventare”.

PARTITO OSTACOLATO DA CORRENTI Nelle pagine iniziali del documento è scritto: “Terni per decenni ha rappresentato il futuro: il futuro della grande industria, dell’innovazione, dell’energia, il futuro dell’architettura e dell’urbanistica. Oggi, Terni ha smesso di essere se stessa. Per troppo tempo il nostro partito si è confinato sotto una campana di vetro che ha ammutolito la sua voce anche quando era rivolta nella direzione giusta. Si è mosso ma è stato legato dalle mille tensioni e ostacolato dalle tante correnti. Per questo, noi che crediamo così tanto nel Pd, proponiamo un nuovo metodo di lavoro, di relazione e d’impegno: quello del coinvolgimento dei talenti e delle competenze del nostro territorio. Un metodo che non sia spacciare l’idea della città perfetta, ma impegnarsi con umiltà per costruire la migliore Terni possibile”.

PROGETTO GREW Tra le 8 proposte elaborate dai membri del gruppo spicca, per ambizione e rilevanza, quello denominato “Grew”. Si tratta di un progetto che punta a fare di Terni “nodo centrale di una rete per la ricerca e l’innovazione in pochi settori specifici” attivando una sinergia tra Università (non soltanto italiane), imprese e Pubblica amministrazione. Coinvolge i laboratori e gli spazi di Pentima, il Centro Multimediale, il polo universitario e si rivolge alle start up innovative e alle imprese in genere. L’obbiettivo principale è quello di creare una rete (più ampia possibile) tra mondo accademico, produttivo e amministrativo. A prescindere da una certa fumosità (non sono indicati i possibili settori di applicazione), è un progetto che va nella giusta direzione: quella di creare concretamente “capitale sociale” (nell’accezione di Coleman), cioè uno dei principali elementi di sviluppo economico territoriale.

IL DOCUMENTO DI POSSIAMO DIVENTARE CON TUTTI I PROGETTI:

CONDIVIDI
  • Michael Sbrenna

    Scusate ma dopo aver letto questa notizia e le proposte presentate non ho potuto fare a meno di morire dalle risate! Ma chi vogliamo prendere in giro??? Ma quando mai i giovani e le loro idee hanno contato qualcosa nelle amministrazioni del PD a Terni??? Giusto quelli che hanno collaborato alle feste democratiche e che sono figli di qualche militante forse contano qualcosa!!! Ma chi sono i giovani a Terni? Quelli che sono rimasti sono giusto quelli vicini al PD, quelli senza attributi disposti a farsi mantenere dai genitori fino alla pensione e quelli disposti a miseri stipendi da fame, gli altri hanno abbandonato Terni da un bel pezzo! Questa notizia e queste proposte non sono altro che specchietti per le allodole per far vedere quanto e´ bravo il PD ternano! Parole, parole, parole, come sempre! E anche se alla fine questi progetti fossero attuati, rimarrebbe comunque il fatto che sono stati attuati solo perche´ proposti dal PD stesso! La dichiarazione dal titolo “Partito ostacolato da correnti” poi non la voglio nemmeno commentare… Il discorso sul ridicolissimo bike-sharing e sul verde pubblico poi sono proprio degli schiaffi in faccia ai cittadini! Ma che ce ne facciamo di una app per sapere se le bici Valentina sono disponibili ad una certa postazione se a Terni neanche esiste una rete di piste ciclabili a parte qualche spezzone che finisce nel nulla??? Vogliamo poi parlare del discorso della ZTL? In pratica alla fine c´e´ scritto che puo´ passarci chiunque! Se facciamo gia´ solo il calcolo di tutti i funzionari cittadini in centro in pratica abbiamo gia´ riempito ogni buco disponibile! Dovrebbero essere proprio i funzionari cittadini invece a dare l´ esempio e raggiungere il luogo di lavoro a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici! L´idea poi degli affitti agevolati di locali pubblici sai che grande idea… una cosa a cui non aveva proprio pensato nessuno! L´ idea dell´officina per le biciclette sarebbe anche una bella idea ma non e´ sicuramente da considerare come una novita´ sensazionale…. a Francoforte queste officine sono localizzate in ogni quartiere e sono gestite da ragazzi delle scuole professionali come modo per avvicinarsi al mondo del lavoro e imparare le tecniche di un mestiere direttamente sul campo! Ma di quale innovazione vogliamo parlare poi che l´Isrim sta chiudendo e il polo universitario ternano e´ sull´orlo del baratro??? Concludendo il discorso insomma questa non e´ altro che la solita tecnica per far credere a tutti che va tutto bene e che Terni e´ la citta´ ideale! Il futuro a Terni e´ morto da tempo! Sveglia!!!

    “Terni
    per decenni ha rappresentato il futuro: il futuro della grande
    industria, dell’innovazione, dell’energia, il futuro dell’architettura e
    dell’urbanistica. Oggi, Terni ha smesso di essere se stessa. Per troppo
    tempo il nostro partito si è confinato sotto una campana di vetro che
    ha ammutolito la sua voce anche quando era rivolta nella direzione
    giusta. Si è mosso ma è stato legato dalle mille tensioni e ostacolato
    dalle tante correnti. Per questo, noi che crediamo così tanto nel Pd,
    proponiamo un nuovo metodo di lavoro, di relazione e d’impegno: quello
    del coinvolgimento dei talenti e delle competenze del nostro territorio.
    Un metodo che non sia spacciare l’idea della città perfetta, ma
    impegnarsi con umiltà per costruire la migliore Terni possibile”. – See
    more at:
    http://www.ternioggi.it/terni-i-progetti-di-possiamo-diventare-gruppo-pd-su-verde-sviluppo-turismo-mobilita-cultura-41911#sthash.uUJKq63i.dpuf
    “Terni
    per decenni ha rappresentato il futuro: il futuro della grande
    industria, dell’innovazione, dell’energia, il futuro dell’architettura e
    dell’urbanistica. Oggi, Terni ha smesso di essere se stessa. Per troppo
    tempo il nostro partito si è confinato sotto una campana di vetro che
    ha ammutolito la sua voce anche quando era rivolta nella direzione
    giusta. Si è mosso ma è stato legato dalle mille tensioni e ostacolato
    dalle tante correnti. Per questo, noi che crediamo così tanto nel Pd,
    proponiamo un nuovo metodo di lavoro, di relazione e d’impegno: quello
    del coinvolgimento dei talenti e delle competenze del nostro territorio.
    Un metodo che non sia spacciare l’idea della città perfetta, ma
    impegnarsi con umiltà per costruire la migliore Terni possibile”. – See
    more at:
    http://www.ternioggi.it/terni-i-progetti-di-possiamo-diventare-gruppo-pd-su-verde-sviluppo-turismo-mobilita-cultura-41911#sthash.uUJKq63i.dpuf

  • Giovanni

    I giovani del PD sono ridicoli, questo è vero, ma il fatto che la maggior parte dei giovani ternani abbandoni la propria città non è sempre motivo di disagio. Così come quelli che restano non è detto che siano per forza mantenuti o degli sfigati. C’è chi resta perchè è legato al proprio territorio, perchè lo vuole difendere e magari anche far crescere. Quelli che scappano magari hanno paura di mettersi in gioco o semplicemente preferiscono andare dove possono trovare quello che cercano invece di crearselo qui. L’errore dei militanti del PD, purtroppo è politico, non esistenziale, continuano a portare acqua a un partito pensando che sia di sinistra o difenda gli interessi dei più deboli, ma non è così. E’ solo una questione di miopia, oppure ci vedono benissimo e mirano a qualcos’altro. Magari qualcuno ha come obiettivo quello di ricreare la vecchia balena bianca, allora bravi state già a buon punto. Ma non si sono mai visti democristiani chiamarsi compagni, quindi per favore iniziate a chiamarvi amici e smettete di occupare uno spazio politico che non vi aspetta più, siete dei moderati e la moderazione (politica) ha portato danni in Italia e a Terni. Ecco perchè siete dei ridicoli, avete tradito i vostri ideali piegandovi al volere di Renzi oggi e di chi comandava prima.

    • Michael Sbrenna

      Lungi da me dare dello “sfigato” a qualcuno! Sono semplicemente delle scelte e ogni scelta che si fa ha i propri pro e i propri contro… tutti i giovani nella mia posizione a Terni sono stati costretti a scegliere tra il proprio futuro e gli affetti, alla famiglia, agli amici e al proprio territorio! Cosa crede, che i Ternani che se ne sono andati non soffrano per aver dovuto abbandonare il proprio territorio in cerca di qualcosa che questo non poteva offrirgli? Guardiamo in faccia alla realta´, e´ nobile lottare per crearsi un futuro nel proprio territorio, ma con la lotta non ci paghi l´ affitto e la spesa e la lotta te la puoi permettere solo se hai le spalle coperte o se ti “umili” a fare lavori che non ti competono per quello che hai studiato o rispetto ai salari dei tuoi colleghi in altre citta´ o Paesi esteri! Io faccio l´ architetto e non credo proprio di potermi rendere utile allo sviluppo del mio territorio e alla condizione dei miei colleghi lavorando gratis o per qualche manciata di euro presso uno di quegli studi che detengono il monopolio sul nostro territorio, dove gli inciuci da anni hanno preso il posto della qualita´ urbana e architettonica! Crede forse che mi abbia fatto piacere da architetto e cittadino vedere Terni e il suo territorio letteralmente stuprati dall´incompetenza di chi li ha amministrati fino ad oggi? Ma da architetto e giovane cosa dovrei pensare di una citta´ dove il verde pubblico viene eliminato per non doversi accollare i costi di manutenzione? Lo sa quando ho deciso di andarmene da Terni? Quando e´ stato eletto Di Girolamo la prima volta! Perche´ vedere i tuoi concittadini votare il degno erede di chi ha combinato cosi´ tanti disastri ti fa sentire inutile e ti fa capire che non c´e´ futuro per te nella tua citta´! E vedere ad anni di distanza che i tuoi concittadini continuano a votare i soliti noti nonostante tutto ti fa capire che evidentemente a loro va tutto bene cosi´ com´e´ e che aveva ragione Di Girolamo quando ha detto che e´ nell´ indole del Ternano tipo il lamentarsi di tutto e soprattutto ti fa essere orgoglioso della scelta fatta di andarsene da questa landa desolata! Vorrei solamente pregare i giovani Ternani rimasti a Terni di non lamentarsi continuamente dell´assenza di lavoro o delle prese in giro continue di chi gli offre di lavorare a nero o con contratti a breve scadenza o con paghe da operaio cinese, perche´ io non sto tutto il tempo a lamentarmi che mi manca la mia famiglia, i miei amici e la mia citta´! Sono scelte e le scelte si pagano!

  • Giovanni

    Appunto lei ha scelto di scappare ed inoltre ammette anche di non avere idee per il suo territorio e di non essere in grado di dare un contributo. Tutto chiaro!!!

    • Michael Sbrenna

      Seh bongiorno…. rigiriamo la frittata come ci pare allora! Ma secondo lei uno che si é appena laureato che contributo potrebbe mai dare ad un sistema clientelare come quello di Terni dove c´é posto solo per gli amici degli amici e dove a nessuno interessano le tue idee a meno che non siano nella direzione che chi ci amministra vuole? Ma mi sta prendendo in giro? Scappare poi??? Forse sarò anche scappato come dice lei, ma sono andato a cercarmi un futuro per non essere un parassita della società! A 30 anni a farmi mantenere da mamma e papá neanche morto! Io me ne sono andato all´estero dove il mio lavoro e le mie idee sono apprezzate e retribuite e mi sto costruendo una carriera mentre molti dei miei colleghi italiani alla mia età stanno ancora cercando il primo impiego! Se lei continua con i suoi discorsi evidentemente allora non conosce la situazione di quelli come me, o vede tutto favoloso come Di Girolamo oppure critica tanto per fare!