Terni, scatta il blocco del traffico: dal 15 dicembre stop per le auto euro 3

32

traffico auto in codaAttenzione: questo articolo è di dicembre 2014 e fa riferimento al periodo 2014/2015. Per tutte le informazioni relative al blocco del traffico del 2016 cliccare quihttp://www.ternioggi.it/terni-dall11-gennaio-scatta-il-blocco-del-traffico-limitazioni-anche-al-riscaldamento-53118

Tornano le odiate limitazioni al traffico: dal 15 dicembre, fino al 31 marzo 2015, su quasi tutto il territorio del Comune di Terni scatta il provvedimento di blocco per i veicoli più inquinanti. L’ordinanza del sindaco è, come tutti gli anni, adottata per cercare di limitare l’inquinamento dell’aria (negli anni scorsi si trattava di targhe alterne).

La norma prevede che nelle giornate di lunedì e martedì, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30, le vetture fino ad euro 3 con trazione benzina e diesel e gli autoveicoli adibiti a trasporto merci fino ad euro 1 diesel nonché i ciclomotori fino a euro 1 rimangano fermi. Sono previste una serie di eccezioni, tra queste è stata introdotta in maniera innovativa il via libera alle vetture che trasportano più persone. Sono esenti dalle limitazioni, infatti, le autovetture, indipendentemente dalla categoria euro, con almeno tre persone a bordo se omologati a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologati a 2 posti.

DOVE SI PUO’ CIRCOLARE LIBERAMENTE Il provvedimento riguarda tutto il territorio del Comune di Terni ad eccezione delle seguenti aree territoriali:
– Papigno – Marmore – Piediluco e zone limitrofe;
– Papigno – Cascata delle Marmore – Collestatte – Torreorsina – S. Liberatore;
– Papigno – Larviano – Miranda – Pièfossato;
– Val di Serra (dall’abitato di voc. Trevi al confine comunale);
– Comune di Terni – Protocollo Generale – ACTRA01
– Collelicino – La Castagna – Cecalocco – Battiferro;
– Cesi scalo – Cesi – Poggio Azzuano – Carsulae;
– Collescipoli – S.P. Collescipolana fino al confine comunale;
– Tratto ternano della E45;
– Tratto ternano del raccordo Orte-Terni (fino al confine comunale della S.S. 3 Flaminia);
. Strada dei Confini – Nuovo Raccordo E45.

VEICOLI NON LIMITATI I veicoli non toccati dal provvedimento, e che quindi possono circolare liberamente in tutto il territorio comunale, sono i seguenti:

– veicoli Euro 4, Euro 5, Euro 6 a benzina e diesel;
– autoveicoli adibiti al trasporto di cose ad uso proprio o ad uso terzi con portata fino a 3,5 t Euro 2-3 benzina ed Euro 3 e 4 diesel immatricolati dopo il 01/01/1997, nonché autoveicoli adibiti al trasporto di cose ad uso proprio o ad uso terzi oltre 3,5 t Euro 2-3 benzina ed Euro 3 e 4 diesel generalmente immatricolati dopo il 01/01/1997, per ragioni inerenti strettamente lo svolgimento
delle proprie attività;
– veicoli elettrici, a GPL, a METANO, ibridi, bifuel;
– veicoli guidati da soggetti portatori di handicap con patente B speciale (ex F) e autoveicoli al servizio di persone invalide muniti del contrassegno;
– veicoli ad uso speciale per il soccorso stradale e per trasporto pubblico collettivo (autobus), compresi i taxi, gli autoveicoli a noleggio con conducente ed il trasporto collettivo convenzionato di studenti;
– veicoli delle Forze di Polizia, delle FF.AA., dell’Autorità Giudiziaria, dei VV.F., dei Corpi e Servizi di Polizia Municipale e del Corpo di Polizia Locale; veicoli del Pronto Soccorso e di Enti Pubblici in servizio di controllo ambientale ed igienico – sanitario;
– veicoli degli Enti Pubblici in servizio per interventi urgenti ed indifferibili di manutenzione e Protezione Civile;
– veicoli delle aziende incaricate della gestione dei servizi pubblici a rete (acqua – luce – gas –
telefonia) impiegati per il pronto intervento;
– veicoli utilizzati da medici e veterinari in visita urgente comprovata mediante autocertificazione e muniti di apposito contrassegno rilasciato dall’ordine professionale;
– veicoli dei cortei funebri (con autocertificazione valida 120 minuti), veicoli di ditte di onoranze funebri per lo svolgimento delle proprie attività. L’autocertificazione, da esibire su richiesta degli organi di vigilanza, va redatta su carta libera indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto, nome defunto e chiesa interessata;
– veicoli adibiti al trasporto di farmaci e prodotti per uso medico, muniti di apposito contrassegno e veicoli che trasportano attrezzature e merci per il rifornimento di ospedali e scuole;
– veicoli adibiti alla raccolta dei rifiuti urbani, allo spazzamento delle strade e veicoli adibiti al trasporto di rifiuti speciali di ditte iscritte all’Albo Nazionale delle imprese esercenti servizio di smaltimento rifiuti e spurgo pozzi neri o condotti fognari;
– veicoli degli istituti di vigilanza privata e veicoli adibiti al trasporto di valori e articoli di monopolio a servizio di esercizi commerciali;
– veicoli del servizio postale;
– veicoli utilizzati per il trasporto di persone che si rechino presso strutture sanitarie per visite specialistiche, terapie ed analisi programmate, in possesso della relativa certificazione medica e prenotazione riportante giorno e ora della visita;
– veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura sanitaria di appartenenza;
– macchine operatrici complesse di portata superiore a 35 q.li (autogru, autopompa per calcestruzzo, ecc.), nonché autoveicoli impiegati in agricoltura (trattori, macchine operatrici, ecc.);
– veicoli che debbono recarsi alla revisione obbligatoria o collaudo, muniti della documentazione di prenotazione rilasciata dal competente ufficio provinciale della Motorizzazione C.T.C. o dai centri di revisione autorizzati, limitatamente al percorso strettamente necessario e nell’orario indicato;
– veicoli dei cortei matrimoniali con autocertificazione valida 90 minuti, redatta su carta libera indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto, nominativo degli sposi e luogo della cerimonia;
– veicoli degli operatori dell’informazione per l’esclusivo espletamento delle loro mansioni, purché muniti di tesserino di riconoscimento;
– veicoli utilizzati da insegnanti che svolgono attività in più plessi scolastici e che devono spostarsi da una sede all’altra durante l’orario di limitazione della circolazione. In tali circostanze i docenti dovranno essere muniti di certificazione rilasciata dal Dirigente Scolastico di riferimento attestante l’orario di lezione e il tempo strettamente necessario per recarsi da una sede all’altra;
– veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili (frutta, ortaggi, carni e pesci, fiori, animali vivi, latte e latticini) o consegne indifferibili muniti di documentazione attestante l’effettiva urgenza;
– veicoli di autoscuole muniti di logo identificativo durante lo svolgimento delle esercitazioni di guida;
– autovetture, indipendentemente dalla categoria Euro, con almeno tre persone a bordo (car pooling) se omologati a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologati a 2 posti.

SANZIONI Chi viola il provvedimento delle targhe alterne rischia multe salate: da 163 a 658 euro.

GIACCHETTI L’assessore all’Ambiente del Comune di Terni dichiara: “Il provvedimento adottato è innanzitutto un atto dovuto per fronteggiare gli sforamenti da Pm10. Pur in questo ambito di obbligo abbiamo introdotto l’elemento innovativo che supera le targhe alterne e abbiamo previsto una norma incentivante per il car pooling, per un inizio ad una partecipazione attiva dei cittadini verso un concetto mobilità di gruppo anche con il mezzo privato. L’ordinanza non è certo un provvedimento risolutivo, questa amministrazione sta lavorando a progetti inerenti le piste ciclabili e alla mobilità alternativa. Si tratta di obbiettivi non facili da raggiungere per la scarsezza della risorse a disposizione ma che cercheremo di perseguire in tutti i modi, avvalendoci di sinergia con la Regione e provando ad utilizzare anche fondi europei”.

CONDIVIDI
  • jacopo

    fate schifo nel più profondo della ragione….ma lo fate veramente, pregiudicando la salute di migliaia di persone. Siete disgustosi.

  • anonimo

    Non mi sembra trattasi di targhe alterne dall’ordinanza si
    evince un chiaro divieto di circolazione di tutti i veicoli “fino ad euro
    3 con trazione benzina e diesel e gli autoveicoli adibiti a trasporto merci
    fino ad euro 1 diesel nonché i ciclomotori fino a euro 1 rimangano fermi”.

    Certo complimenti per la tempistica proprio sotto il periodo
    natalizio (un gran bel dono fatto ai commercianti in una situazione già molto “positiva”
    vero!!!???) e soprattutto mi sorge
    spontanea una domanda: chi possiede solo un veicolo “inquinante” e
    deve spostarsi di lunedì’ e martedì nelle fasce orarie “off-limits” per
    qualsiasivoglia esigenza personale verrà accompagnato dal sindaco o dall’assessore??!!!

    A no giusto si può circolare fermiamo qualcuno per strada e gli
    chiediamo se vuole salire almeno in tre la macchina inquina di meno!!!!! Ma stiamo su scherzi a parte!!!!!!!!!!!!!!!

  • Minimeo

    A casa mia prima si costruiscono le ALTERNATIVE poi si mettono i DIVIETI!! Col cavolo che bloccano i vari macchinoni che c’hanno in garage. NO è più facile bloccare le macchine de chi non c’ha i soldi per comprarsela nuova e deve andare a lavorare a piedi! Siete proprio una vergogna! Poi tra qualche mese ripartiranno l’inceneritori magari, ma quello mica inquina! NOOOO!

  • bautista

    RIAPRONO LE ACCIAIERIE.
    BUON APPETITO A TUTTI.
    PM-10 E POLVERI SOTTILI A PRANZO CENA E COLAZIONE.
    CHI NON MANGIA A LETTO SENZA CENA!!!

    • silvepaol

      Comunque se e per questo I dati arpa roportani dati alle stelle di pm10 nel mese di novembre ad acciaieria totalmente chiusa….allora che c’e dietro?

      • bautista

        Ancora credi al sistema.Chi li nomina i dirigenti arpa.LA POLITICA LOCALE

        • silvepaolo

          x carita so indifendibili ma a quest punto c’è altro dietro

  • El zorro

    Per consentire il regolare andamento del traffico di attraversamento della Conca Ternana da parte di
    automobilisti interessati a spostamenti sovracomunali e/o interprovinciali, le limitazioni di cui al
    punto 1, si applicano esclusivamente agli autoveicoli il cui conducente abbia la residenza o il
    domicilio nel Comune di Terni o nei confinanti comuni di Stroncone – Narni – Sangemini –
    Acquasparta – Montefranco – Arrone.

  • Minimeo

    È solo un altro modo del cavolo per fà un pò de cassa!!

  • Rumi

    Caro Giacchetti, il provvedimento adottato è un atto dovuto per fronteggiare gli sforamenti da PM10. Ok, bene….. ma per tutti gli altri sforamenti cosa stai facendo?? Quali provvedimenti stai adottando? Dacci almeno una volta una SERIA e concreta risposta, non la solita “ci stiamo lavorando, stiamo provvedendo ecc….”

    Il
    provvedimento adottato è innanzitutto un atto dovuto per fronteggiare
    gli sforamenti da Pm10 – See more at:
    http://www.ternioggi.it/terni-scatta-il-blocco-del-traffico-dal-15-dicembre-stop-per-le-auto-euro-3-46178#sthash.gVIc4H02.dpuf
    Il
    provvedimento adottato è innanzitutto un atto dovuto per fronteggiare
    gli sforamenti da Pm10 – See more at:
    http://www.ternioggi.it/terni-scatta-il-blocco-del-traffico-dal-15-dicembre-stop-per-le-auto-euro-3-46178#sthash.gVIc4H02.dpuf

    • cittadino

      Io mi ci metto per primo…ma quando cominceremo ad aprire gli occhi e ha RIBELLARCI a questa politica di merda fatta solo di soldi nostri!

  • Michael Sbrenna

    Beh, forse se a Terni ci fossero delle alternative al traffico di automezzi autonomi, tipo una rete seria di piste ciclabili che collegasse i quartieri fuori dal centro o fosse stata attivata per esempio la Terni-Cesi oppure fosse incentivato l´utilizzo dei bus magari con degli schermi alle fermate che indichino i tempi di attesa, magari non ci sarebbe bisogno delle targhe alterne o del blocco delle auto, che poi in periodo natalizio, considerando la crisi, é proprio una genialata! Io continuo a ripetere che il Comune di Terni di urbanistica non capisce niente e mai ci capirà qualcosa! Certo le rotatorie sono un´ottima cosa… ma Terni negli ultimi decenni é stata sempre concepita come una città dove muoversi con le auto, quindi ovvio che ci sia tutto questo inquinamento! Basti pensare alla sola Piazza Europa, dove l´arredo urbano si adegua e va ad esaltare la via di transito in diagonale degli automezzi! Rendiamoci conto! Poi ovviamente se concentri tutte le nuove costruzioni residenziali a Borgo Rivo e non crei poi vie di collegamento con il centro alternative alle auto di cosa ci vogliamo lamentare poi? Ma come poi? Perché ci sarebbe bisogno delle targhe alterne? A detta di Di Girolamo Terni é una delle città meno inquinate d´Italia! Mah…. non credo che riuscirò mai più a capire Terni e i Ternani…. La prossima estate godetevi tutti il sole cocente di Agosto visto che non avete neanche più gli alberi a ripararvi! Magari quelli un po´ di aria inquinata la filtravano pure….

  • Pingback: Terni, lunedì a martedì stop per auto vecchie, Confesercenti: ”Provvedimento sbagliato”()

  • Peppe

    Questo provvedimento inutile e dannoso preso nel periodo natalizio,e’ una mano santa per l’economia ternana gia’ disastrata.Amministratori meritate il premio Nobel per la vostra incompetenza e irresponsabilita’.Fate schifo!!!!

  • nico

    siccome non c’e’ crisi ci voleva proprio sotto natale vero!!!!!!!!!!

  • stanco

    Chiedevo a quel bravo sindaco se a lavorato mai e magari come artigiano ! Penso proprio di no.
    avere una vettura euro 1 2 3 non è una scelta perché non tutti si possono permettere di sostituire l’auto come i dipendenti comunali che sono riusciti a spendere nel 2012 soltanto
    360 MILIONI DI EURO.
    NOI A LAVORARE CI DOBBIAMO ANDARE SENNO COME FATE SPENDERE TANTI
    UN SENNO RINGRAZIAMENTO DA PARTE DEI COMMERCIANTI periodo ottimo bravi

    • spes

      signor stanco non generalizzi….io sono dipendente comunale ed ho una macchina con 200000 km euro 2….senza possibilità di cambiarla

      • robersis

        Signor spes,
        tanto per non generalizzare, Le chiedo: quanto è diminuita la Sua busta paga in questi ultimi tempi e quanti mesi sono che non percepisce lo stipendio. A molti artigiani e commercianti non è toccata la stessa fortuna. Tanto per non generalizzare. La risposta è gradita.

        • spes

          le assicuro sig robersis che con 1000 euro (quando va bene) al mese e con un mutuo non è facile

          • bautista

            1.000 euro al mese sono 6 euro l’ora.
            Le stupidaggini signor spes le vada a dire a chi vuole , ma non le pubblichi perche’non esuste nessun contratto statale sotto i 10 euro l’ora
            Se poi lei ha scelto di lavorare 12 ore settimenali, che sono il minimo contrattuale allora prende anche troppo.

  • memme

    Proprio sotto le feste natalizie????? Perche volete distruggere il commercio??? Eppure le tasse sulle insegne,sulle tende,sui tavoli e sulla mondezza pagate dai commercianti le volete tutti i mesi….SE CHIUDONO I COMMERCIANTI CHIUDETE ANCHE VOI !!!! Controllate le emissioni dell’AST e dell’INCENERITORE invece di fare queste BUFFONATE !!!

  • memme

    Un grazie di cuore anche alla Confcommercio e alla Confesercenti che, come è evidente da anni ormai, non riescono a tutelare i loro iscritti …. COMMERCIANTI PROTESTATE !!!!!

    • cittadino

      Serve solamente per fare multe soldi subito e puliti tanto uno lo sanno che siamo costretti a rischiare fanno schifo… io altro giorno ho preso una multa per sosta vietata!giusta però vi dico che era sera a piazza valnerina caos totale si sono messi a fare i giustizzieri…il giorno dopo…. guardate la foto. quella che è!!visto che hanno anche i posti riservati

  • Pingback: Terni, Confcommercio chiede al sindaco la revoca del blocco del traffico()

  • Pingback: Terni, blocco del traffico sotto accusa, M5S: ”Fa solo danni”, Città Futura: ”Un inganno”()

  • Claudio

    Credete che il problema sia solo della circolazione? E le emissioni delle centraline di riscaldamento o delle caldaie dove le mettete? Sbaglio o il problema si pone sostanzialmente d’inverno? …guarda caso ….Ma il teleriscaldamento proposto da Agarini che fine ha fatto? Non avrebbe risolto buona parte del problema?

  • Mercuri Alessio

    Mi viene solo una domanda da fare ai nostri governanti……ma in questo periodo di crisi, con disoccupazione alle stelle e imprese piccole,medie e grandi in profonda difficoltà economica, non si poteva trovare una soluzione come la precedente (almeno ci si poteva organizzare un giorno con la dispari ed un giorno con la pari), magari inserendo la norma delle tre persone a bordo ecc. Adesso mi piacerebbe sapere chi mi rimborsa il tempo che dovrò stare fuori casa, pasto compreso ovviamente, poiché il mio orario di lavoro prevede che io debba passare per viale dello stadio e via turati tra le 11.30 e 12.30 e dalle 15.30-19.00. Ho pagato la stagione dei corsi di nuoto per mia figlia,due lezioni a settimana (martedi e venerdi)…..ora sarà una sola?????? O forse la soluzione è mettere ancora di più in subbuglio le aziende modificando gli orari a seconda delle limitazioni del traffico? Ma per cortesia!!!!!!!!!!! Mi piacerebbe sapere chi è o sono i tecnici ( o presunti tali a questo punto) che hanno inventato questa novità. Da anni in tutte le città italiane più a rischio inquinamento si adottano le targhe alterne oppure le limitazione ad un certo tipo di veicoli solo nei fine settimana, quando per la gente è più facile, magari per andarsi a fare un giro, organizzarsi in più persone con lo stesso veicolo (vedi le domeniche senza auto o i fine settimana mezzi pubblici gratis o a tariffe ridotte ecc. ecc. ecc.). Ma non si è mai visto mettere in croce chi ancora ha un lavoro inventando una serie di norme atte solo a complicare la vita degli onesti cittadini. Un’ altra cosa poi, bisognerà rivolgersi agli uffici della motorizzazione per capire di che tipo è la nostra auto? Pazienza per chi come me con un po di calma riesce a risalire alle varie norme e tipologie scritte sul libretto, ma per chi non ha dimestichezza con internet ecc??????? Non so se avete provato a leggere l’ordinanza….è chiara? Non ci possono essere fraintendimenti???? Parlate con un avvocato, anzi pagate un avvocato..visto che neanche gli organi competenti hanno capito nello specifico chi e quando può circolare. Comunque mi sembra di ricordare dalla storia studiata a scuola che questo tipo di limitazioni e forzature in Italia avvenivano durante un famoso “ventennio”, quando in Germania c’era “uno coi baffetti alla Chaplin” che governava e in Italia un “grassottello coi capelli leccati” lo seguiva. Meditate gente meditate!!!!!!!!!!!!!! Questa è la Terni delle manifestazioni per l’Ast, per il Job’s Act ecc., ma che però contro una Ordinanza inaccettabile che mette in ginocchio chi non si può permettere una auto nuova commenta e non fà nulla!!!!!!

  • Pingback: Terni, blocco del traffico sospeso per il 22 e 23 dicembre: si circola liberamente()

  • Pingback: Terni, 12 e 13 gennaio torna il blocco del traffico per i veicoli vecchi, polemiche()

  • Pingback: Terni, blocco del traffico sospeso per martedì grasso 17 febbraio()

  • Pingback: Terni, Forza Italia contro blocco del traffico: ”Inefficace, iniquo, antiquato”()

  • Pingback: Terni, fine anticipata del blocco del traffico: torna la libera circolazione per tutti()